Samsung, male gli smartwatch: un Galaxy Gear su tre viene restituito

L’avvio delle vendite dei Samsung Galaxy Gear è stato entusiasmante: i dati di vendita erano piuttosto positivi. Considerando che la maggior parte dei dispositivi doveva essere ancora distribuita su larga scala (per esempio in Italia), i dati di vendite erano decisamente positivi. Ma ci sono nuvole nere all’orizzonte per i vertici Samsung. Una delle catene più importanti di vendita al dettaglio degli Stati Uniti, Best Buy, ha confermato che il prodotto non sta accogliendo riscontri positivi: un Galaxy Gear su tre viene restituito. Un dato davvero preoccupante: gli utenti acquistano lo smartwatch targato Samsung, ma per un motivo o per un altro, decidono di riportare indietro il prodotto. Quali sono le motivazioni della restituzione non è dato saperlo, ma è possibile fare delle ipotesi: l’acquirente non è soddisfatto perchè il Samsung Galaxy Gear non risponde alle aspettative, oppure probabilmente la compatibilità con smartphone e altri dispositivi è ancora troppo poco diffusa. In molti hanno poi lamentato una breve durata della batteria, altro fattore negativo. Insomma, Samsung dovrà capire il perchè di tutte queste restituzioni. Per farlo ha deciso di utilizzare i dipendenti Samsung presenti negli store: dovranno indagare sulle motivazioni di tutte queste restituzioni.

Share