Facebook rileva il testo dalle immagini e segnala meme offensivi

Facebook rileva il testo dalle immagini e segnala meme offensivi

L’intelligenza artificiale di Facebook permette di estrarre il testo da un miliardo di immagini al giorno.

La nuova funzione di traduzione di Facebook permette al social network di funzionare con ben 24 nuove lingue diverse, visto che le persone online tendono a comunicare non solo con le parole, ma anche con le immagini, le traduzioni diventano importantissime.
Per una piattaforma come Facebook con oltre 2 miliardi di utenti attivi mensilmente, ciò vuol dire che una moltitudine di immagini viene pubblicata ogni giorno, inclusi i “meme“. Per includere le immagini con il testo nei risultati di ricerca delle foto pertinenti, per dare agli screen reader un modo per leggere ciò che è scritto su di loro e per assicurarsi che non contengano discorsi di incitamento all’odio e altre parole che violano la politica dei contenuti del social, Facebook ha creato e ha implementato un sistema di apprendimento automatico su larga scala chiamato “Rosetta“.

Facebook aveva bisogno di un sistema di riconoscimento ottico dei caratteri in grado di elaborare regolarmente enormi volumi di contenuti, quindi ha dovuto fare affidamento sulla propria tecnologia. Secondo il social network, Rosetta estrae il testo da oltre un miliardo di immagini e video in un’ampia varietà di lingue ogni giorno in tempo reale.

In un nuovo post sul blog, la società ha spiegato come funziona Rosetta: inizia rilevando regioni rettangolari in immagini che potenzialmente contengono testo. Utilizza quindi una rete neurale convoluzionale per riconoscere e trascrivere ciò che è scritto in quella regione, anche parole non inglesi o alfabeti non latini, come l’arabo e l’hindi. Per addestrare il sistema, Facebook ha usato una miscela di immagini pubbliche con annotazioni umane e meccaniche.

Diversi team di Facebook e Instagram stanno già utilizzando Rosetta per visualizzare più contenuti e per controllare le loro piattaforme. La società intende continuare a far crescere il numero di lingue che può comprendere e renderla più efficiente nell’estrarre il testo dai frame video.

Parlando di lingue, Facebook ha anche aggiunto 24 nuove lingue ai suoi servizi di traduzione automatica, tra cui serbo, bielorusso, marathi, singalese, telugu, nepalese, kannada, urdu, punjabi, cambogiano, pashto, mongolo, zulu, xhosa e somalo. Facebook ammette che le traduzioni per quelle lingue sono in una fase iniziale, quindi avranno ancora molti errori. Prevede di continuare a migliorarli e ad introdurre più lingue in futuro.

fonte@engadget.com

Share

About redazione

Related Posts

Leave a Reply